Home Notizie DATO SHOCK — DALLA LIBIA PRONTI A PARTIRE 800 MILA IMMIGRATI

DATO SHOCK — DALLA LIBIA PRONTI A PARTIRE 800 MILA IMMIGRATI

0
TO GO WITH AFP STORY BY FRANCOISE MICHEL Recent picture of would-be immigrants arriving on a boat in the port of Italy's southern island of Lampedusa late on July 31, 2008. After a perilous Mediterranean crossing from Libya's shores, streams of illegal immigrants await processing at Italy's southernmost island, Lampedusa, where their names are noted but, police say, "we also give them a number because they often forget the name they have just invented." AFP PHOTO/ Mauro Seminara (Photo credit should read Mauro Seminara/AFP/Getty Images)

DI LIBEROQUOTIDIANO.IT

Tutto pronto per un’invasione senza precedenti, proprio nei giorni in cui lo scontro sugli immigrati è ai massimi livelli (sia tra Europa ed Italia, sia dentro al solo nostro Paese). Dalla Libia, infatti, arrivano le spaventose parole del premier Fayez Al Sarraj. Come riporta Il Giornale, a una specifica domanda nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta lunedì a Vienna, Al Sarraj ha spiegato che in Libia ci sono 800mila immigrati regolari, pronti a partire. “Solo 20mila si trovano all’interno dei centri gestiti dal governo”, ha sottolineato il premier.

Leggi anche: Il generale: “Azione militare contro gli sbarchi”

La maggiora parte dei migranti proverrebbero dal Sahel, mentre sarebbe il Niger il luogo privilegiato di transito per poi raggiungere la Libia. Colpisce il fatto che a fronte di 800 migranti irregolari, solo 20mila sarebbero controllati: degli altri 780mila non si sa quasi nulla. Si troverebbero sparsi tra altri centri libici, gestiti da organizzazioni criminali e dagli stessi trafficanti di esseri umani. Secondo Al Sarraj, gran parte di quei 780mila migranti potrebbe salpare verso l’Europa nei prossimi mesi. “L’Europa è ipocrita – ha attaccato il premier libico –. La critica dei paesi europei è inaccettabile. Il mio governo da solo non può affrontare il problema“. Tutto pronto, dunque, per una delle migrazioni più gigantesche che, inevitabilmente, andranno a colpire l’Italia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here